domenica 19 febbraio 2017

Telling Stories
Borgarello (PV)

 

Sarà il songwriter di Milwaukee Hayward Williams il protagonista Domenica 19 del secondo appuntamento della rassegna “Telling Stories”, organizzata dall’Ass.Cult.Mescalina e Paolo Pieretto in collaborazione con il Comitato Villa in Comune, Auser “Il Borgo” e con il patrocinio del Comune di Borgarello. Gli eventi della rassegna si tengono presso il C.T.E. Auser “Il Borgo” di Borgarello (all’interno del Parco Comunale Turati) e si propongono di essere dei veri e propri incontri in musica in cui i concerti sono anticipati da conversazioni e presentazioni di libri a cura di Mescalina. Domenica 19 prima del concerto di Williams sarà ospite di “Telling stories” Claudio Fucci di “Vololibero”, casa editrice che ha dato alle stampe collane di libri musicali tra cui spiccano il volume su Leonard Cohen “I famosi impermeabili blu” realizzato da Massimo Cotto, quello sui Beatles intitolato “4Ever” di Eleonora Bagarotti e la collana “Soul books” dedicata ai grandi del soul (da Marvin Gaye a Ottis Redding). Fucci converserà con Gianni Zuretti di Mescalina per presentare quindi i progetti di “Vololibero” con interventi musicali dello stesso Hayward Williams prima del suo concerto che sarà aperto dal songwriter John Hardin.
Quello di Hayward Williams è un attesissimo ritorno in Italia dopo i precedenti due tour di successo per presentare il nuovo album “The Reef” prodotto da Jeff Focault e con la partecipazione di Billy Conway dei Morphine. Voce profonda e delicata, il suo stile è asciutto e snello ma compensato dalla sua sincera naturalezza e da una spiccata personalità sul palco.
Negli States l'hanno già ribattezzato "the next big thing", la promessa della musica country alternativa. Originario di Milwaukee, Wisconsin Williams si è fatto le ossa nella band "Exit" (premiata nel 2004 come band dell'anno dal Wisconsin Area Music Industry), con la quale ha girato l'intero circuito del Midwest nel solco della tradizione dei musicisti hobo, vagabondi del country alla Hank Williams o Woody Guthrie. Ma la band stava troppo stretta a Williams, smanioso com'era di sviluppare la propria poetica e di esplorare le proprie potenzialità artistiche, così il passaggio alla carriera solista (finora cinque album per lui) è parso estremamente naturale. Con l’album "Haymaker" ha iniziato a farsi conoscere anche in Italia grazie a canzoni quali "All Too Willing" e "High Horse", in bilico tra country, rockabilly e un pizzico di glam, a riprova di un talento eclettico e mai banale. A Borgarello dunque il cantautore del Wisconsin si esibirà in un concerto acustico chitarra e voce accompagnato da John Hardin: nella scaletta figureranno le canzoni più rappresentative del suo repertorio insieme a cover di artisti a lui affini come il songwriter di Jacksonville Ryan Adams - autore di memorabili pezzi quali "Come Pick Me Up", "Love is Hell" o la rivisitata "Wonderwall" - cui Williams è stato più volte accostato dalla critica D'Oltreoceano. "Un Ryan Adams soul", la definizione più ricorrente.
L’appuntamento è quindi per Domenica 19, inizio ore 18.30. Infoline al 3385901699.

Get in touch with us